StellaStale e dintorni

domenica, ottobre 29, 2006

La giornata più lunga



Già le domeniche sono lunghe a passare quando poi ci si mette pure il cambio di ora da legale a solare.... (o è viceversa????) non passano proprio più!!!!
due immagini della festa di ieri...

venerdì, ottobre 27, 2006

Un anno, un giorno e 5 cm


Ieri è stato un anno che ta-ta-tà è al mondo. Ricordo l'attesa della sua nascita meglio di quella delle altre due pernacchiette che mi ritrovo come nipoti....non me ne vogliano manu e maria ma è proprio grazie a loro che ho un ricordo più vivo: l'attesa davanti alla sala parto, gli occhioni dolci di maria con tanto di battito di ciglia per fregarmi il winnie the pooh travestito da stella marina (come si fa a dire di no a una che ti chiede in quel modo 'me lo dai, zia?' e lei ha 4 anni e tu 30 e mica puoi fare questioni????) la scelta di manu davanti al distributore di schifezze nell'ospedale di vico (ha squadrato l'intera situazione per scegliere con piglio deciso la cosa più costosa.... lei la femmina del 'chello ca costa e cchiu' a prescindere..... doveva essere una tavoletta di cioccolata) lo stupore quasi preoccupato di maria quando ha visto annachiara uscire nell'incubatrice dalla sala parto ('ma è tutta nuda!!!!!!!!!!!!!') e poi tutti quei capelli neri che non li ha mai persi e piuttosto abbiamo perso già il conto di quante volte glieli abbia tagliati la mamma.... la mia meravigliosa cognata che pare uscita da un fumetto...... tanti ricordi perchè ha già tante cose questa biricchina di nipotina: lo sguardo sempre diffidente, il sorriso che le illumina la faccia quando uno di cui chissà perchè si fida la pazzeia, e l'amore di tutti quanti noi
tanti auguri alla più piccola di casa
ta-ta-tà
che io ti possa raccontare tante storie belle

nel frattempo la creatura che sta crescendo nella pancia di vanessa è arrivata a 5 cm e a dire del ginecologo non sta due minuti ferma....... tant'è che ci sono stati problemi persino a fare l'ecografia. per la serie "l'arteteca da dint'a panza"
in bocca al lupo cumpagna mia, ca a criatura già è nzist!!!!!!!!!

giovedì, ottobre 26, 2006

Non sono un genio, ma....

Ho sempre saputo di non essere un genio, a dispetto di quanto si dica sul mio conto in giro ehhehehehe... stasera ne ho avuto la conferma
un simpatico e caro netfriend mi ha dato quest'indirizzo
http://www.iqtest.dk/main.swf
ci si puo' fare il test per il quoziente d'intelligenza
lo so lo so che io non sono d'accordo con le teorie quantitativo-comportamentiste, che l'approccio cognitivo è tutta n'ata cosa e che l'america non ha nulla da insegnare a noi europei sui test di valutazione ma un po' per sfizio un po' per sfida l'ho fatto
mi è uscito 104
non un genio, ma almeno intelligente.... eheheheh
provateci tutti

A Bruno Lauzi


La tua mano farfalla mi ha accarezzato quando mio padre non c'era già più da un po'. Anche le sue di mani, grandi e forti, erano state bloccate da quello stronzo di mister P. contro il quale avete combattuto entrambi a testa alta, con tenacia e senza vergogna.
Non ti ho conosciuto, non sono mai stata a un tuo concerto, le tue canzoni non hanno segnato la mia esistenza. Ma quella mano, la tua mano serigrafata e stampata ed esposta è arrivata a casa mia dopo l'ennesimo e doveroso contributo alla Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson. E mi ha accarezzato. E io ho provato tenerezza. Grazie!!!!!!!!!!
Che la terra ti sia lieve
Che la tua mano possa volare sempre




ieri, 25 ottobre 2006, è morto Bruno Lauzi, all'età di 69 anni. Da tempo era malato di Parkinson. Non ha nascosto la sua malattia, anzi è diventato testimonial della Fondazione Grigioni che si occupa della ricerca su questa malattia degenerativa e debilitante del sistema neuorlogico. A tutti coloro che hanno sostenuto l'iniziativa "La Mano a chi dà una mano" è stata inviata negli anni scorsi una stampa che riproduceva la mano di Lauzi e una sua poesia dedicata al più tipico dei sintomi dei malati di parkinson (anche se non a tutti tremano gli arti, un altro sintomo assai diffuso è una sorta di 'blocco' il frezering)
Eccola:

LA MANO

La mia mano farfalla
bestiola spaventata
frullo d'ali improvviso
di preda impallinata
di rifugio in rifugio
di taschino in taschino
ha una sola speranza:
che voi dimentichiate
le sue dita agitate
che riempion la stanza
mentre s'inventa il vento
o vi racconta il mare...
Nata per lavorare
sul palco della vita
arranca inutilmente
eppure l'ho avvertita:
lei non c'entra per niente
ed io continuo a amarla
seppur perdutamente....

per lauzi, per mio padre, ma soprattutto per chi sta combattendo ora o dovrà farlo in futuro segnalo due indirizzi web e ognuno poi fa quello che vuole o puo' a sostegno della ricerca:
www.parkinson.it/aip/
www.parkinson.it/fondazione.html

lunedì, ottobre 23, 2006

Gli stessi posti

e un errore pure l'ho commesso
girare nei miei posti, quelli di sempre, insieme a lui
perchè poi mi succede che mentre vado a lavoro vedo il punto dove ci siamo fermati due minuti e per il corso è uguale e per le strade nun ne parlamm proprio, pure nel pub di sempre me lo sono portato... ma allora so proprio scema???

aiaiaiai come sono messa male: per la serie "no sto bene, no sto rilassata e no sto senza pensieri" eheeheheh

e vabbè siamo con una capata in fieri, nonostante ovviamente io tenti di negare l'evidenza
ciaoooooooooooooooo

domenica, ottobre 22, 2006

che c'è?

che c'è?.... mille volte: che c'è?

e i baci
e le carezze

e le voci
e le parole

che c'è?.... altre mille volte che c'è....

di abbracci

di niente

di tutto

di te

di me

che c'è?

ti afferro ti prendo ti lascio ti spoglio ti rivesto
mi afferri mi prendi mi lasci mi spogli mi rivesti

fumiamo?
fumiamo

che c'è?

giovedì, ottobre 19, 2006

Un nuovo topo


e alla fine il mouse nuovo me lo sono accattato. alla modica spesa di 11 euro riesco finalmente a usare il pc di casa in modo corretto e non più a bestemmiare appresso ai comandi tastiera (incredibile ma anche senza il mouse se po' ffà)
e quindi eccomi qui a riaggiornare dopo una lunghiiiiiiiiiiiiiissima pausa (non dovuta soltanto alle difficoltà tecnologiche quanto anche a scazzo creativo ehehehe) il mio blog.
da raccontare avrei le storie che si raccolgono in ospedale che chissà perchè sono sempre le più intense e belle che ho trovato. (mamma è stata una settimana per un piccolo intervento all'occhio destro al san leonardo .... è andato tutto ok)
ma anche di un incontro imprevisto
ma se il tempo è passato senza che io ne scrivessi vuol dire che così doveva andare (aiaiai il mio fatalismo)
e allora l'unica cosa da segnare e da segnalare è la citazione che sta all'inizio del libro che sto leggento ora (per la cronaca si tratta di Amsterdam di Ina Mcewan)

Gli amici che si incontrarono qui e si abbracciarono sono partiti.
Ciascuno verso il suo errore.
(W.H. Auden)

domenica, ottobre 01, 2006

Auguri papà

Le anime dei giusti
sono nelle mani di Dio
nessun tormento le toccherà

Agli occhi degli stolti
parve che morissero;
la loro fine
fu ritenuta una sciagura,
la loro partenza da noi una rovina,
ma essi sono nella pace.

Anche se agli occhi degli uomini
subiscono castighi,
la loro speranza
è piena di immortalità



Non si muore quando si vive nei cuori di chi si è amato